SCONFIGGERE I TALEBANI A COLPI DI MINIGONNA

Senza categoria giugno 17, 2019 No Comments

SCONFIGGERE I TALEBANI A COLPI DI MINIGONNA

Nel suo nuovo libro il controverso autore francese attacca con forza l’Islam

MILANO – Altro che operazioni militari, il terrorismo lo si batte a colpi di minigonna secondo Michel Houellebecq, autore di ‘Piattaforma’, edito da Bompiani, a Milano per presentare il suo nuovo volume. “I bombardamenti sull’Afghanistan non sono intelligenti – afferma – non si pone fine con la forza all’estremismo religioso, meglio sarebbe pervertire le musulmane”.

“Forse invece di bombe si dovrebbero sganciare minigonne e collant sull’Afghanistan – spiega serafico – quello è il vero punto debole dell’Islam”. ‘Piattaforma’ non va tanto per il sottile con il mondo arabo: all’Islam, infatti, sono dedicate due lunghe ‘tirate’ di un egiziano e un giordano, mentre agli islamici nel finale è riservata la parte dei terroristi, che uccidono anche Valerie, la donna del protagonista.

“In Thailandia ci sono pochi musulmani, tranquilli – racconta Houellebecq, fumando una sigaretta via l’altra – ma ho avuto l’intuizione che molte cose potrebbero peggiorare perché vi si svolgono attività che la loro religione non condivide”.

Ai talebani, invece, lo stesso protagonista dedica un pensiero, prima di addormentarsi sull’aereo che, sorvolando l’Afghanistan, lo porterà in Thailandia:

“a quell’ora i talebani dovevano essere già a letto – si legge – a marcire nel loro sudiciume”.

Protagonista del romanzo è Michel, 40 anni, apatico funzionario ministeriale, che Houellebecq descrive come “un melange inestricabile di autobiografismo e storie raccolte nei bar, davanti a un bicchiere di vino, da uomini che vanno con prostitute”. All’indomani della morte del padre, Michel decide di darsi al turismo sessuale in Thailandia e, in vacanza, si innamora di Valerie, dirigente di ‘Nouvelles Frontieres’, con cui progetta una rete di villaggi basati sul sesso a pagamento. “Se un tour operator mi dovesse chiedere una consulenza per un progetto simile – spiega lo scrittore, 43 anni – accetterei, potrei dare buoni consigli perché ho abbastanza esperienza personale”.

Il libro ha destato polemiche in Francia, soprattutto nel mondo islamico.

INIZIO PAGINA